Olio essenziale di Ylang ylang

Calmante se inalato svolge un’azione rilassante sul sistema nervoso, attenuandone i disturbi, come ansia, depressione, irritabilità, nervosismo e insonnia. L’olio essenziale di ylang ylang crea armonia in caso di contrasti, collera, rancore e frustrazione, perché favorisce la comprensione e il perdono, dissolve le delusioni e le offese, ripristina il desiderio di amare;

Ipotensivo, l’essenza è in grado di abbassare la pressione arteriosa e di attenuare i disturbi provocati sul sistema cardio-circolatorio dallo stress, come palpitazioni e tachicardia.

Afrodisiaco è un olio essenziale erotico, utile per risvegliare i sensi, in caso di frigidità, impotenza, e per chi non riesce a lasciarsi andare; allontana il dubbio, le insicurezze e i sentimenti bloccati. È di grande aiuto nella femminilità repressa perché libera la gioia, la sensualità, l’euforia e la sicurezza interna.

Tonificante e astringente per la pelle è indicato in caso produzione eccessiva di sebo e acne: se diluito qualche goccia nel detergente per il viso, il derma recupera tono e luminosità. Se versato in piccole dosi, in olio di cocco o burro di Karitè, è un ottimo nutriente e protettivo per i capelli, soggetti a salsedine, vento e sole.

Olio essenziale di Ylang ylang: descrizione pianta

impacco per capelli prima dello shampoo,olio essenziale di ylang ylang,bagno rilassante,ambiente,saponi e prodotti per l’igiene personale,profumo afrodisiaco,chioma,colore verde scuro,burro di karitè,nutriente e protettivo per i capelli,detergente per il viso,palpitazioni e tachicardia,sistema cardio-circolatorio dallo stress,pressione arteriosa,ansia,depressione,irritabilità,nervosismo e insonnia,profumo dolce,floreale,olio essenziale erotico,afrodisiaco è un olio essenziale eroticoAlbero alto fino a 12-15 metri, originario dell’Indonesia, diffuso anche in Australia e in parte dell’Asia, sempreverde o semi-sempreverde. Ha fusto eretto, molto ramificato che dà origine a una chioma ben equilibrata. Le foglie sono grandi, di colore verde scuro, lucide, di forma lanceolata e con margini ondulati; sulla pagina inferiore sono leggermente pubescenti. In primavera e in autunno produce numerosi fiori all’ascella fogliare, solitari o riuniti in piccoli grappoli; hanno 3-5 petali allungati, penduli, di colore giallo-verdastro somiglianti a una stella a 5 punte, che diventano giallo intenso quando arrivano a maturità.

Olio essenziale di Ylang ylang: cenni storici  

Il nome ylang-ylang di origine tagalog, significa fiore dei fiori, o da ilang-ilan, ossia “non comune”, riferibile all’aroma molto particolare. Le donne di quei luoghi usavano disciogliere qualche goccia nell’olio di cocco per proteggere pelle e capelli durante la stagione delle piogge. Già i coloni francesi la definirono “profumo afrodisiaco”, perché veniva usato negli harem insieme ad altri olii essenziali. Fiore solo all’apparenza delicato, l’ylang-ylang viene chiamato anche «il gelsomino dei poveri» perché i suoi petali odorosi sono invece molto resistenti e consentono di effettuare fino a 3 distillazioni successive. Il prodotto della prima distillazione viene denominato ylang-ylang extra ed è comunemente usato in profumeria. Le distillazioni successive possiedono una qualità gradualmente inferiore. La terza distillazione mantiene ancora una discreta quantità di profumo ed è impiegata in saponi e prodotti per l’igiene personale.

Olio essenziale di Ylang ylang: parte utilizzata

I fiori sonole parti he vengono utilizzate per effettuare le distillazioni.

Olio di Ylang ylang: metodo di estrazione

Distillazione per corrente di vapore.

Olio essenziale di Ylang ylang: nota

Nota di cuore: profumo dolce, floreale, speziato

Olio essenziale di Ylang ylang: uso e consigli pratici

Diffusione ambientale: 1 gc di olio essenziale di ylang ylang per ogni mq dell’ambiente in cui si diffonde, mediante bruciatore di olii essenziali o nell’acqua degli umidificatori dei termosifoni

Bagno rilassante: 10 gc nell’acqua della vasca,emulsionare agitando forte l’acqua, quindi immergersi per 10 minuti

Uso cosmetico: diluite al 5% il prodotto in olio di cocco per farne un impacco per capelli prima dello shampoo

Olio essenziale di Ylang ylang: controindicazioni

Solo per uso esterno. Vi consigliamo di attenervi alle dosi consigliate, poiché alti dosaggi di olio essenziale di ylang ylang possono provocare nausea o mal di testa.

Trattamenti e consigli per la pelle secca del viso

Consigli di bellezza viso: i prodotti cosmetici per idratare la pelle secca del viso

Per la detersione della pelle del viso va evitato il sapone: contiene sostanze che alterano il film protettivo della pelle. La mattina la pelle del viso va massaggita delicatamente con un olio vegetale (ribes nero, jojoba o avocado); è meglio usare un detergente sen­za risciacquo e poi applicare la crema viso e un fondotinta con ingredienti idratanti e antietà. In ufficio, il trucco è portare dell’ ac­qua termale da spruzzare ogni tanto sul viso per idratare la pelle contro l’ aria secca e cercare di non sostare troppo vicino a fonti di calore.

Per la sera, sono ottime creme-viso-notte con estratti di pappa reale, acido piruvico (che stimola i fibroblasti), o acido boswelico che ha un’ azione elasticizzante e lenitiva.

Trattamenti viso e medicina estetica: peeling viso

Un ottimo trattamento viso di medicina estetica è la Microidrodermoabrasione (Jet-peel): viene praticata dal medico estetico con un manipolo che veicola nella pelle os­sigeno, soluzione fisiologica e sostanze biostimolanti; in questo modo la pelle del viso si reidrata e si ossigena, rinnovandosi negli strati più superficiali (bastano 3-4 sedute).
Un ottimo trattamento estetico per il viso è anche un ciclo di peeling soft con so­stanze antiossidanti e cheratolitiche, come acido mandelico, o i peeling booster con capacità antiossidanti, per rinnovare gli strati superficiali della pelle del viso,consentire alla pelle di riflettere meglio la luce e di aumentare il suo turnover (ricambio cellulare).

Maschera viso fai-da-te: le ricette naturali per preparare machere viso fatte in casa
  • Per idratare e depurare a fondo la pelle del viso e favorire lo scambio sangue-os­sigeno, si può preparare una maschera viso fai-da-te con 3 cucchiai di gel d’ aloe puro e 2 perle di olio di borragine (si trovano in erboristeria); applicare la amschera viso per 20 minuti, poi risciacquare.
  • Un’ altra maschera viso fai-da-te facile da preparare si ottiene frullando una pera, mezza ca­rota e 2 cucchiai di olio di oliva; applicare la maschera viso per 10 minuti, poi sciacquare. È un mix ricco di vitamina E, antietà, e vitamina A, che aumenta le barriere naturali della pelle del viso.

Truccate in spiaggia: cosmetici che proteggono dai raggi solari

Fino a pochi anni fa i dermatologi sconsigliavano alle donne di esporsi al sole truccate, perchè i cosmetici comunemente utilizzati nelle situazioni quotidiane, aumentavano gli effetti negativi dei raggi solari sulla pelle.

Negli ultimi anni le case cosmetiche sono corse ai ripari, specializzandosi nel realizzare cosmetici appositamente ideati per il mare. E’ così esploso il cosiddetto maquillage da spiaggia ed è ora possibile trovare prodotti dotati di filtri solari aggiuntivi delle principali marche. Dai fondotinta ai fard, dagli ombretti alle matite, passando per rossetti, terre e gloss sulle labbra, il maquillage da spiaggia aiuta oggi a prevenire i tumori della pelle e a idratarla, in combinazione con gli altri prodotti solari classici. Lo hanno capito anche i dermatologi americani dell’American Academy of Dermatology che per la prima volta hanno incluso questi prodotti tra gli strumenti di protezione della pelle.

Ringiovanimento e lifting naturale con l’elettrostimolazione del viso

Sei pronta a fare qualcosa di veramente efficace per la tua bellezza, e quindi a contrastare quelle rughe pieghe cutanee, e quel rilassamento dei tessuti che sono comparsi sul tuo viso? Forse hai già provato in passato un certo numero di trattamenti estetici anti-età e vuoi ora provare qualcosa di nuovo e davvero efficace. Bene, l’elettrostimolazione del viso tramite micro correnti è esattamente quello che cercavi: si tratta del più nuovo e più efficace metodo per ringiovanire il viso e per ottenere un lifting naturale senza ricorrere al bisturi.

Questo sistema di ringiovanimento è un trattamento anti-età sia a livello preventivo per soggetti giovani, che come rimedio per pelli mature, che otterranno una pelle più fresca e giovane, una effetto anti rughe, oltre che un notevole tono dei tessuti. La stimolazione muscolare tramite micro-correnti consente di sollevare gradualmente i muscoli del viso alla loro posizione originaria, ottenendo in questo modo un lifting naturale, che si avvantaggia inoltre del miglioramento qualitativo della pelle sovrastante i muscoli, che sarà più ossigenata, tesa e ricca delle sostanze nutritive richiamate in superficie dall’attività muscolare. La rigenerazione cellulare apportata da questa benefica situazione stimolerà la produzione naturale di collagene e porterà inoltre una maggiore ricettività della pelle ai trattamenti applicati per via topica, incluso i principi attivi delle creme e delle lozioni applicate nella normale routine quotidiana. A differenza dei vari trattamenti come laser, microdermoabrasione e delle altre metodologie anti-age che agiscono tramite la rimozione degli strati superficiali della pelle, il sistema di ringiovanimento tramite elettrostimolazione agisce a livello muscolare e cellulare in modo assolutamente non-invasivo, incrementando la produzione cellulare tramite una intensa ginnastica facciale concentrata su muscoli specifici. La pelle riacquista elasticità grazie all’aumento di produzione di collagene e la perdita di tono ed il rilassamento cutaneo scompaiono gradualmente, riportando il viso alla sua massima espressione di bellezza e benessere.

Trucco resistente al caldo, tutti i segreti per realizzarlo

In questi giorni afosi più che mai urge un truccoche sia resistente al caldo, specialmente se siamo ancora in piena attività lavorativa e per ragioni professionali abbiamo necessità di presentarci in ufficio o nel posto di lavoroimpeccabili e fresche. Se in vacanza, infatti, possiamo evitarci la trafila del make up e goderci la libertà di un viso acqua e sapone (e abbronzatura), difficilmente lo stesso stile sarà apprezzato in ufficio o in altri luoghi di lavoro dove sia imposta una certa presenza.

Il problema, che in genere non esiste durante il resto dell’anno, sorge nel momento in cui ci ritroviamo alla mattina ad effettuare il nostro solito make up, certe che nel giro di qualche ora il nostro viso comincerà a “cedere”, diventando lucido, con rischiosi effetti “panda” sugli occhi a causa di ombretti e matite che tendono a colare per via dell’afa.

Insomma, invece di apparire più belle, finiamo per sembrare buffe maschere sfatte a fine giornata. Come fare per truccarci alla perfezione in modo che il nostro make up resista a “scipione”, l’ondata di umidità e temperature africane che ci ha investito in pieno?

Trucco resistente al caldo, come preparare il viso Partiamo con la preparazione della pelle del viso. Si comincia con una buona detersione con un latte leggero, da terminare con l’applicazione di un buon tonico astringente che chiuda i pori. La crema dovrà essere molto soft, ad altissima assorbibilità e applicata appena tirata fuori dal frigo (è un segreto anche per attenuare borse e arrossamenti tenere la crema idratante al fresco in estate).

Trucco resistente al caldo, la base – Veniamo alla base. Per essere perfetta, omogenea ma resistente all’umido e al calore, meglio lasciare da parte il solito fondotinta fluido e optare per  delle terre mat, per dei fondatinta compatti o minerali.Attenzione ad applicarne una modesta quantità per evitare l’effetto maschera.

Trucco resistente al caldo, la bocca – Veniamo al trucco per le labbra. Senza un velo di rossetto il make up non sarebbe completo. Tuttavia, meglio evitare i rossetti troppo ricchi e cremosi e optare per un buon gloss liquido, ma anche un semplice burro cacaofluido dotato anche di un buon fattore diprotezione UV. Per quanto riguarda i colori, sceglieteli non scuri, più vicini all’effetto “nude” o al limite rosati o leggermente aranciati. In questo modo, se sbaveranno, non si noterà molto. Le matite per il contorno labbra, stavolta potete lasciarle da parte.

Trucco resistente al caldo, gli occhi – Per quanto riguarda il trucco occhi, con il caldo è di rigore usare prodotti water proof. A partire dagli ombretti, da scegliere tra quelli in crema che sono meno volatili, per finire con l’immancabile mascara. Meglio evitare, invece, l’uso delle matite, che potrebbero facilmente sciogliersi e trasferirsi sulle palpebre inferiori e superiori. Una volta terminato il nostro make up, possiamo “fissarlo” spruzzando un buon prodotto ad hoc, come un’acqua termale, ad esempio! Con questi semplici accorgimenti arriveremo a fine giornata ancora con il nostro trucco intatto.

Un ritrovamento archeologico rivela 77 erbe di “elisir di giovinezza”

Settantasette erbe macerate in alcol e dell’oppio: questa è la ricetta originale per l’elisir di giovinezza, un reperto archeologico che documenta la tradizione alchimista di Praga e che oggi riconosciuti effetti benefici.

Il documento è stato scoperto durante la ricostruzione di una casa nel quartiere ebraico, nel centro storico della capitale ceca, le cui origini risalgono al IX secolo e che fu salvato dalle ordinanze igienico-sanitarie emesse dai sindaci di Praga nel XIX secolo, così come dalle alluvioni dell’estate 2002. “Si tratta del secondo edificio più vecchio di Praga – ha dichiarato la guida Michaela Snajdrová – Ci sono voluti dieci anni per restituire lo splendore dei tempi passati al luogo, che poteva essere aperto al pubblico recentemente, e dove ora è stato realizzato il Museo Speculum Alchimiae”.

I drink (insospettabili) per l’eterna giovinezza

La ricetta originale per l’elisir è esposta al pubblico in una mostra permanente con un tour in cui, oltre al suo contenitore originale, sono in mostra i forni degli alchimisti, dispense di piante medicinali, vetrerie per esperimenti, nonché lo studio e la camera accogliente. Un’altra curiosità che può essere vista è l’intricata rete di condotti sotterranei tra la casa con il castello di Praga e Piazza della città vecchia.

Le regole dell’eterna giovinezza

Dopo le analisi dei monaci benedettini di Rajhrad, che ancora gestiscono una farmacia e cercano di recuperare dimenticati medicinali a base di erbe tradizionali e ricette medievali, è stato stabilito che questa è la ricetta dell’elisir di eterna giovinezza, con un sapore che ricorda un altro elisir (fatto a base acqua a Karlsbad, alcool, zucchero e una miscela amara di 32 erbe e spezie), chiamato ‘becherovka’ che ha un effetto di armonizzazione sull’organismo”. Si racconta che un uomo con un ulcera allo stomaco sia guarito bevendo la becherovka. La casa, oltre ad ospitare la produzione di elisir, ha assistito all’instancabile attività in tutta la Gran Via, una via commerciale che collegava il Regno di León(Spagna) con Cracovia, Kiev e l’Estremo Oriente nel tardo Medioevo.

Ieri out, oggi cool

White hair, il look young & superchic

Da sempre un dettaglio da coprire, ora i capelli bianchi indentificano uno stile da trendsetter. Che siano naturali o decolorati, per averli sani vanno trattati con prodotti alla cheratina.

Ombretto rosso, per occhi da fairy tale

ombretto rosso,prodotti alla cheratina,palette-occhi,occhiale,passerelle,canoni di bellezza,sfilate,dettaglio di stile,trend beauty,l'effetto dell'irreversibilità o ratchet effect,'industria della bellezza e delle modelle,stile delle élite,street style,fenomeno,scelte cool,sottoculturaA lungo bandito dalle palette-occhi perché può esaltare le occhiale, l’ombretto rosso ora conquista anche le passerelle ed è abbinato a una base diafana.

Sarà per l’effetto Lady Gaga, che ha stravolto i canoni di bellezza, oppure perché vale sempre la regola di Diana Vreeland, direttore leggendario di Vogue (<< Un po’ di cattivo gusto è come un pizzico di paprika>>). Fatto sta che, alle sfilate, tra le celebs e nello street style, ciò che prima era considerato “bruto” ora è diventato un dettaglio di stile.

Il nuovo buon gusto

<< Tutti i trend beauty “da strada” subiscono l’effetto dell’irreversibilità o ratchet effect >>, sull’industria della bellezza e delle modelle. <<Si tratta di un processo iniziato negli anni ’60: con la progressiva messa in discussione dei dettami si stile delle élite, si è dato spazio alle regole dello street style. Il fenomeno, da allora, è diventato inarrestabile, tanto che ora sono considerate scelte cool errori beauty o trasgressioni da sottocultura, come l’undercut punk della modella Alice Dellal e le unghie sbeccate dei grunge>>.

L’effetto social media

La glorificazione dell’inconsueto nella beauty è anche una conseguenza della popolarità di Facebook. <<La condivisione istantanea di idee e immagini ha reso le tendenze ancora più volatili e mutevoli>>. <<Farsi notare supera il desiderio di conformarsi. Oggi è più difficile indentificarsi in un gruppo, perché i trend cambiano troppo velocemente. In questo clima, l’individualità diventa sinonimo di libertà e sperimentazione>>.

L’usuale aiuta l’inusuale

Viene da chiedersi, allora, come fare a non cadere nel cattivo gusto quando si sceglie un dettaglio signature fuori dalle regole. << Quel che conta, se si fa proprio un elemento di stile “diverso”, come i capelli bianchi o il mascara colorato, è che il resto del look sia il più possibile convenzionale>>.

I tips per non sbagliare

<<Regola numero uno: se la trasgressione si traduce nella scelta del colore che dà nell’occhio, assicurativi di lavorare su un viso dalla base perfetta>>.

<<Regola numero due: un colore che si fa notare scelto per occhi o labbra, ma anche per i capelli, richiede una forma decisa e definita>>

<<Regola numero tre: se si vuole emergere, ma senza rischiare, la scorciatoia è puntare su un solo particolare, come la nail art. Le celebs, negli ultimi tempi, la usano come dettaglio di stile strong>>.

Rossetto arancione, old fashion riabilitato

Dal beauty-case “della zia” allo street style. L’ arancione è il nuovo rosso e il dettaglio signature di star come Emma Stone.

Ombré hair, quando la ricrescita fa cool

Alexa Chang,  la it girl e fashion icon inglese, ha trasformato la fase “in between” tra due colorazioni da fonte di stress a fashionable moment. Ora le radici scure a vista vanno messe in monstra.

I rossetti per gonfiare le labbra

I rossetti che promettono di ‘pompare’ le labbra nel giro di due settimane… hanno qualche base scientifica, funzionano? Funzionano davvero?

labbra-belle-carnose (1).jpgSono in effetti i cossidetti “lip plumper” molto in voga negli Stati Uniti, usati soprattutto dalle ragazzine che hanno un effetto volumizzante per breve durata ma riapplicabili quasi giornalmente..

Su quale principio si basano, o si baserebbero?

In realtà realtà contengono ingredienti, come niacina, capsaicina (la sostanza che rende piccante il peperoncino), cannella, mentolo e chiodo di garofano, che, più che pompare le labbra le irritano, provocando una vasodilatazione locale che le rende più rosse, e le gonfiano solo temporaneamente. Qualche lip plumper contiene anche retinolo.

Potrebbero avere degli effetti collaterali indesiderati?

L’effetto indesiderato è in realtà l’effetto irritante che è quello responsabile anche dell’aumento di volume… in fondo anche quando si inietta acido ialuronico una parte dell’edema labiale è dovuto al trauma della iniezione… anche se in questo caso il filler, cioè l’acido ialuronico rimane nelle labbra per 3-4 mesi… Sconsigliamo anche l’uso della connettivina che su qualche forum femminile viene segnalata come efficace… Se si vogliono evitare le iniezioni di acido ialuronico per il dolore (prevenibile, con adeguate creme anestetiche…) forse è meglio ricorrere ad un buon camouflage…