Combattere il freddo: ecco qualche astuzia antigelo

La stagione invernale spesso induce al malumore, ma con qualche piccolo trucco si può iniziare la giornata al top

Buio. Freddo. Già questo sarebbe sufficiente per demoralizzarci ancor prima di aver messo piede fuori dal letto: in inverno alzarsi al mattino per andare al lavoro o a scuola spesso è difficile. Il tepore del letto, una doccia calda e rigenerante, un bel caffè fumante ci invitano a rimanere e a coccolarci dentro le mura di casa. Ma evitare di congelarsi la mattina appena svegli è possibile: ecco un piccolo vedemecum per un inizio di giornata all’insegna del benessere.

Abbasso la sveglia: svegliarsi di soprassalto e all’ultimo minuto è assolutamente da evitare. Non solo si rischierebbe di saltare qualche passaggio fondamentale della routine anti-gelo del mattino, ma potrebbe compromettere la possibilità di avere un umore accettabile al risveglio. E’ importante aprire gli occhi con dolcezza e senza fretta, quindi no alle sveglie aggressive e sì invece alla musica del cuore. Il consiglio furbo peri niziare col piede giusto? Un tappeto scendiletto soffice e colorato, delle pantofole calde e confortevoli, una vestaglia avvolgente e morbida che ci protegga dal freddo anche fuori dal piumone. Il massimo per iniziare alla grande la giornata!

Una doccia rigenerante: contro il freddo una doccia calda prima della colazione è taumaturgica. L’aromaterapia può rivelarsi ottima come antigelo: basterà aggiungere al bagnoschiuma, su una morbida spugna, qualche goccia di olio essenziale. Ottimo quello alla cannella, patchouli o rosa. Per una sferzata di energia, mai dimenticare un bel massaggio con il guanto di crine: lasceremo via le cellule morte e daremo il benvenuto a una sana circolazione che riattiva corpo e mente.

Evviva la colazione: l’alimentazione è fondamentale per il benessere del nostro organismo. In inverno alcuni cibi sono fondamentali per combattere il freddo e dovrebbero a buon titolo diventare i veri protagonisti della prima colazione invernale. Tra questi, spiccano i fiocchi di avena con il latte (il porridge), il pane con burro e marmellata, tè caldo o, ancora meglio, infusi di zenzero. Per finire, mai trascurare di bere  spremute di arancia fresche e di fare spuntino con la frutta secca.

Uno strato sopra l’altro: vestirsi “a cipolla” è l’ottimo per evitare il freddo e mettersi al riparo dalle sudate, soprattutto quando si entra in ambienti chiusi e riscaldati. In inverno, quando le temperature precipitano, vestirsi a strati sovrapposti è un must: cotone sulla pelle e poi tutto quello che serve secondo il tipo di giornata da affrontare, ricordandoci sempre il microclima in ufficio o a scuola. Testa, piedi e mani vanno sempre tenuti al calduccio: mai dimenticare a casa guanti e cappello.

Bella e profumata per tutto il giorno si può: ecco come

Il cattivo odore può essere fonte di imbarazzo, ma tenerlo lontano e sentirsi naturalmente a posto è facile usando qualche piccola astuzia

Si sta avvicinando la bella stagione e può capitare che, passando da un ambiente molto freddo a uno caldo, si possa sudare. Tuttavia a volte non avere un buon odore può dipendere da altri fattori, come l’alimentazione, oppure gli sbalzi ormonali e da molto altro. Quindi, prima di fasciarci la testa e mettere mano pesantentemente al nostro borsellino per svaligiare una profumeria, proviamo a capire cosa possiamo fare per eliminare o correggere il tiro e avere una pelle profumata naturalmente.

Diciamocelo senza pudore: la nostra pelle ha un suo odore naturale, che non è detto sia proprio seducente talvolta.
Essere e sentirsi belle profumate però non è un miraggio per nessuno, quindi prima di alzare bandiera bianca o farsi prendere dal panico per la riunione imminente col capo o un incontro galante, proviamo a capire cosa possiamo fare per garantirci freschezza e buon odore più a lungo possibile.

Chi ben comincia: il mattino ha l’oro in bocca, dicevano le nostre nonne. Anche la doccia, aggiungerei. Sì perché di notte comunque si suda, perfino durante la stagione fredda, quindi chi di noi ha un odore particolarmente forte può far scivolare via il sudore e darsi una ventata di energia sotto una bella e rapida doccia mattutina. Naturalmente, la scelta del bagno schiuma o del detergente ha la sua importanza: meglio ricorrere a prodotti naturali e delicati che non stressino troppo la nostra epidermide. Non dimentichiamo inoltre di fare almeno due volte alla settimana uno scrub casalingo: eliminare le cellule morte favorendo il turn over cellulare permetterà alla pelle di respirare meglio e di detergersi accuratamente. Svegliamoci con brio!

A voi la scelta: dopo la doccia, occorre completare la beauty routine con un deodorante. Quale scegliere? Tanto per cominciare, preferiamo quelli senza alcol, decisamente più delicati, e poi cerchiamo di capire quale profumazione ci starebbe meglio addosso. Non abbiamo tutti gli stessi gusti, ma non abbiamo nemmeno tutti le stesse reazioni alle fragranze: ecco perché bisogna avere la pazienza di provare su polsi o sul dorso delle mani il deodorante e decidere se ci sta bene o no. Il consiglio furbo? Se sudiamo molto durante il giorno, portiamoci in borsetta un piccolo deodorante roll-on da mettere circa ogni tre-quattro ore: risultato (e profumo) assicurato.

Mai senza: l’avvio di giornata è sempre piuttosto convulso: preparare i figli per la scuola, stendere il bucato avviato nella notte, prepararsi per correre a lavorare è una routine davvero complicata. Tuttavia per il nostro benessere e per essere certe di arrivare profumate fino a sera, completare la toilette del mattino con un po’ di crema corpo profumata e leggera sarà sicuramente una carta vincente che dovremmo giocarci con la sicurezza di aver fatto la cosa giusta. A prescindere dalle ascelle, tutta la nostra epidermide traspira durante il giorno e quindi stendere un velo di emulsione idratante e discretamente profumata, oltre che regalarci una sensazione di pelle setosa al tatto, sarà un valido aiuto per sentirci sicure di noi stesse. E se le estremità puzzano? Per evitare di aver un brutto odore dei piedi basta asciugarli molto bene prima di indossare i calzini e mettere nelle scarpe un po’ di talco profumato. Risultato garantito.

Partiamo dalla cima: anche i capelli possono avere un cattivo odore a causa del sebo in eccesso, dello smog, del fumo, del cibo. Se abbiamo capelli grassi che non hanno un buon odore, proviamo a lavarli più spesso, ma con shampoo non troppo aggressivi. Ogni quanto lavarli? Lavare i capelli troppo di frequente può stimolare la cute a produrre ancora più sebo e quindi ad avere un odore sgradevole. Il consiglio beauty? Possiamo provare a utilizzare uno shampoo a secco fatto in casa con l’amido di riso. Sarà sufficiente mettere in un barattolino un po’ di amido ed aggiungere tre gocce di un olio essenziale profumato e delicato come, ad esempio, quello alla lavanda. Massaggiare la polvere sulla cute e poi strofinare i capelli con un asciugamano sarà sufficiente per asciugare il sebo in eccesso e profumare anche la nostra chioma. Se poi vogliamo amplificare l’effetto, dopo la piega possiamo spruzzare in testa un po’ del nostro profumo preferito. Un vero must da non dimenticare mai.

Occhio alla dieta: siamo quello che mangiamo e nel caso dell’odore della nostra pelle questa affermazione non potrebbe essere più vera. I cibi estremamente grassi, così come i fritti, possono causare una sudorazione eccessiva e, di conseguenza, cattivo odore. Se vogliamo profumare tutto il giorno bisogna iniziare cambiando alimentazione, eliminando o diminuendo i cibi fritti, gli insaccati, i superalcolici e via discorrendo. Forme, e soprattutto profumo, salvati!

 

Dieta e ginnastica per avere la pancia piatta

Gli alimenti che combattono il gonfiore addominale e gli esercizi dolci per un ventre scolpito e in perfetta forma

L’estate è lontana: a parte i pochi fortunati che a Natale si potranno regalare una vacanza esotica ai Tropici, per la maggior parte di noi l’obiettivo di una pancia piatta potrebbe sembrare non proprio di stagione visto che, sotto strati di maglie e vestiti, forse, un po’ di floridezza può passare inosservata. Se però abbiamo in programma di indossare un mini abito o un crop top, magari nelle serate di Fine Anno, o se semplicemente non sopportiamo di vederci allo specchio con qualche sgradita rotondità che ci impedisce di indossare i nostri skinny jeans preferiti, non resta che correre ai ripari. Del resto, il desiderio di essere in forma non conosce stagioni.

Un addome compatto e levigato si ottiene, ovviamente, con l’azione combinata di dieta e ginnastica. Attenzione però: anche se riusciamo a buttare giù i due chili che abbiamo di troppo, non è detto che se ne vadano proprio dall’addome, come sarebbe nei nostri programmi. Allo stesso modo, non tutti gli esercizi di allenamento per gli addominali riescono a farci conquistare un ventre non solo tonico,ma anche piatto. Ecco allora alcune strategie per arrivare dritte al risultato.

Continua a leggere

Viso: tutto quel che cʼè da sapere sulla crema notte

Luce o buio? Per la nostra pelle la differenza cʼè, eccome: ecco i motivi per cui usare la crema prima di dormire è importante

Scetticismo addio: dare alla pelle del viso prodotti differenti per il giorno e per la notte non solo è utile, ma è necessario: il nostro corpo e la nostra epidermide, infatti, hanno meccanismi biologici differenti che regolano il metabolismo a seconda del momento della giornata in cui siamo. Proviamo quindi a capire quanto sia importante utilizzare una crema specifica per la notte prima di consegnarsi alle braccia di Morfeo.

Luce e buio, abbiamo detto: e infatti a partire dalle ore serali, i meccanismi cellulari si mettono in moto per riparare i danni causati durante il giorno dalle esposizioni al sole, al vento, al freddo, all’inquinamento, ma anche da una cattiva alimentazione. Al finire della giornata, e soprattutto nelle ore notturne, inizia anche la fase di ricostruzione e del ricambio cellulare.
Il sonno è quindi un formidabile alleato per la nostra bellezza perché è proprio durante la notte che l’epidermide attiva dei processi di rigenerazione e riparazione cutanea ed è decisamente più ricettiva ai trattamenti cosmetici.

Continua a leggere