Combattere il freddo: ecco qualche astuzia antigelo

La stagione invernale spesso induce al malumore, ma con qualche piccolo trucco si può iniziare la giornata al top

Buio. Freddo. Già questo sarebbe sufficiente per demoralizzarci ancor prima di aver messo piede fuori dal letto: in inverno alzarsi al mattino per andare al lavoro o a scuola spesso è difficile. Il tepore del letto, una doccia calda e rigenerante, un bel caffè fumante ci invitano a rimanere e a coccolarci dentro le mura di casa. Ma evitare di congelarsi la mattina appena svegli è possibile: ecco un piccolo vedemecum per un inizio di giornata all’insegna del benessere.

Abbasso la sveglia: svegliarsi di soprassalto e all’ultimo minuto è assolutamente da evitare. Non solo si rischierebbe di saltare qualche passaggio fondamentale della routine anti-gelo del mattino, ma potrebbe compromettere la possibilità di avere un umore accettabile al risveglio. E’ importante aprire gli occhi con dolcezza e senza fretta, quindi no alle sveglie aggressive e sì invece alla musica del cuore. Il consiglio furbo peri niziare col piede giusto? Un tappeto scendiletto soffice e colorato, delle pantofole calde e confortevoli, una vestaglia avvolgente e morbida che ci protegga dal freddo anche fuori dal piumone. Il massimo per iniziare alla grande la giornata!

Una doccia rigenerante: contro il freddo una doccia calda prima della colazione è taumaturgica. L’aromaterapia può rivelarsi ottima come antigelo: basterà aggiungere al bagnoschiuma, su una morbida spugna, qualche goccia di olio essenziale. Ottimo quello alla cannella, patchouli o rosa. Per una sferzata di energia, mai dimenticare un bel massaggio con il guanto di crine: lasceremo via le cellule morte e daremo il benvenuto a una sana circolazione che riattiva corpo e mente.

Evviva la colazione: l’alimentazione è fondamentale per il benessere del nostro organismo. In inverno alcuni cibi sono fondamentali per combattere il freddo e dovrebbero a buon titolo diventare i veri protagonisti della prima colazione invernale. Tra questi, spiccano i fiocchi di avena con il latte (il porridge), il pane con burro e marmellata, tè caldo o, ancora meglio, infusi di zenzero. Per finire, mai trascurare di bere  spremute di arancia fresche e di fare spuntino con la frutta secca.

Uno strato sopra l’altro: vestirsi “a cipolla” è l’ottimo per evitare il freddo e mettersi al riparo dalle sudate, soprattutto quando si entra in ambienti chiusi e riscaldati. In inverno, quando le temperature precipitano, vestirsi a strati sovrapposti è un must: cotone sulla pelle e poi tutto quello che serve secondo il tipo di giornata da affrontare, ricordandoci sempre il microclima in ufficio o a scuola. Testa, piedi e mani vanno sempre tenuti al calduccio: mai dimenticare a casa guanti e cappello.

I rossetti per gonfiare le labbra

I rossetti che promettono di ‘pompare’ le labbra nel giro di due settimane… hanno qualche base scientifica, funzionano? Funzionano davvero?

labbra-belle-carnose (1).jpgSono in effetti i cossidetti “lip plumper” molto in voga negli Stati Uniti, usati soprattutto dalle ragazzine che hanno un effetto volumizzante per breve durata ma riapplicabili quasi giornalmente..

Su quale principio si basano, o si baserebbero?

In realtà realtà contengono ingredienti, come niacina, capsaicina (la sostanza che rende piccante il peperoncino), cannella, mentolo e chiodo di garofano, che, più che pompare le labbra le irritano, provocando una vasodilatazione locale che le rende più rosse, e le gonfiano solo temporaneamente. Qualche lip plumper contiene anche retinolo.

Potrebbero avere degli effetti collaterali indesiderati?

L’effetto indesiderato è in realtà l’effetto irritante che è quello responsabile anche dell’aumento di volume… in fondo anche quando si inietta acido ialuronico una parte dell’edema labiale è dovuto al trauma della iniezione… anche se in questo caso il filler, cioè l’acido ialuronico rimane nelle labbra per 3-4 mesi… Sconsigliamo anche l’uso della connettivina che su qualche forum femminile viene segnalata come efficace… Se si vogliono evitare le iniezioni di acido ialuronico per il dolore (prevenibile, con adeguate creme anestetiche…) forse è meglio ricorrere ad un buon camouflage…