Combattere il freddo: ecco qualche astuzia antigelo

La stagione invernale spesso induce al malumore, ma con qualche piccolo trucco si può iniziare la giornata al top

Buio. Freddo. Già questo sarebbe sufficiente per demoralizzarci ancor prima di aver messo piede fuori dal letto: in inverno alzarsi al mattino per andare al lavoro o a scuola spesso è difficile. Il tepore del letto, una doccia calda e rigenerante, un bel caffè fumante ci invitano a rimanere e a coccolarci dentro le mura di casa. Ma evitare di congelarsi la mattina appena svegli è possibile: ecco un piccolo vedemecum per un inizio di giornata all’insegna del benessere.

Abbasso la sveglia: svegliarsi di soprassalto e all’ultimo minuto è assolutamente da evitare. Non solo si rischierebbe di saltare qualche passaggio fondamentale della routine anti-gelo del mattino, ma potrebbe compromettere la possibilità di avere un umore accettabile al risveglio. E’ importante aprire gli occhi con dolcezza e senza fretta, quindi no alle sveglie aggressive e sì invece alla musica del cuore. Il consiglio furbo peri niziare col piede giusto? Un tappeto scendiletto soffice e colorato, delle pantofole calde e confortevoli, una vestaglia avvolgente e morbida che ci protegga dal freddo anche fuori dal piumone. Il massimo per iniziare alla grande la giornata!

Una doccia rigenerante: contro il freddo una doccia calda prima della colazione è taumaturgica. L’aromaterapia può rivelarsi ottima come antigelo: basterà aggiungere al bagnoschiuma, su una morbida spugna, qualche goccia di olio essenziale. Ottimo quello alla cannella, patchouli o rosa. Per una sferzata di energia, mai dimenticare un bel massaggio con il guanto di crine: lasceremo via le cellule morte e daremo il benvenuto a una sana circolazione che riattiva corpo e mente.

Evviva la colazione: l’alimentazione è fondamentale per il benessere del nostro organismo. In inverno alcuni cibi sono fondamentali per combattere il freddo e dovrebbero a buon titolo diventare i veri protagonisti della prima colazione invernale. Tra questi, spiccano i fiocchi di avena con il latte (il porridge), il pane con burro e marmellata, tè caldo o, ancora meglio, infusi di zenzero. Per finire, mai trascurare di bere  spremute di arancia fresche e di fare spuntino con la frutta secca.

Uno strato sopra l’altro: vestirsi “a cipolla” è l’ottimo per evitare il freddo e mettersi al riparo dalle sudate, soprattutto quando si entra in ambienti chiusi e riscaldati. In inverno, quando le temperature precipitano, vestirsi a strati sovrapposti è un must: cotone sulla pelle e poi tutto quello che serve secondo il tipo di giornata da affrontare, ricordandoci sempre il microclima in ufficio o a scuola. Testa, piedi e mani vanno sempre tenuti al calduccio: mai dimenticare a casa guanti e cappello.

Doccia, come trasformarla in un trattamento di bellezza

Tutti i consigli e le regole per trasformare un momento di igiene in una vera e propria oasi mentale e fisica

Farsi la doccia, che cosa piacevole ma banale, in fondo. Sbagliato! Se pensate che alzarsi dal letto, o spogliarsi dello stress della giornata lavorativa, e filare sotto il getto dell’acqua sia un gesto elementare, da fare senza pensarci, siete sulla cattiva strada. Una doccia può fare molto bene al corpo, prima ancora che all’umore. Se farla male, in genere, non provoca danni, farla bene può comportare benefici per quanto riguarda la salute ma anche la bellezza del nostro corpo. Le regole da conoscere non sono molte ma sono consigli più che utili.

Dimmi quando quando quando
C’è un tempo giusto, per la doccia? È meglio farsela al mattino o alla sera? Questa è una delle domande fondamentali alle quali nemmeno i più grandi sapienti hanno trovato risposta, però… Bisogna sapere che durante la notte si accumula sebo, e la doccia mattutina ha quindi una maggiore utilità, soprattutto per chi ha la pelle grassa. Detto questo, tale regola non va seguita tassativamente. Chi ricava un maggiore piacere da una doccia a fine giornata, continui pure così. L’importante è che, invece, si attenga a queste altre raccomandazioni.

Continua a leggere

Scrub allo zucchero di canna

L’eliminazione delle cellule morte è importante per avere una pelle giovane e tonica. Esfoliarla regolarmente, oltre a liberarla dalle opacità, ne aumenta la micro circolazione, rendendola più luminosa, liscia e omogenea. Spesso si pensa che per ottenere i migliori risultati è necessario acquistare delle creme scrub molto costose, ma non tutte sanno che invece anche la propria dispensa può aiutarci nella scelta di ingredienti e prodotti naturali ed efficaci.

 

Quella che vi proponiamo oggi è la ricetta per preparare un ottimo scrub per viso e corpo con dello zucchero di canna e olio d’oliva.

Ingredienti:
1 tazza di zucchero di canna biologico
1/3 di olio extravergine d’oliva
cucchiaio di estratto di vaniglia puro

Preparazione e modo d’uso:

Prendete una terrina e versatevi tutti gli ingredienti mescolando bene.
Applicate una piccola quantità di quanto ottenuto sul viso ed effettuate uno scrub leggero con un movimento circolare.
Stessa procedura anche sul resto del corpo, con particolare attenzione a talloni, gomiti e ginoccia.
Infine, risciacquare con abbondante acqua.

Rimedi naturali contro le gambe gonfie

Per prevenire il gonfiore delle gambe e per evitare che insorga il problema dei piedi gonfie è necessario adottare uno stile di vita sano che comprenda alcuni accorgimenti:

  • mantenere attiva la circolazione sanguigna ed il microcircolo tramite una regolare attività fisica (anche delle camminate giornaliere di buon passo possono essere sufficienti). Per prevenire la comparsa del gonfiore delle gambe è quindi utile evitare di passare molte ore in piedi oppure sedute nella stessa posizione.
  • utilizzare calzature comode ed adatte al proprio piede, che permettano al piede di muoversi correttamente ed in libertà. Limitare quindi l’utilizzo delle scarpe a tacco alto, che non consentono di appoggiare correttamente la pianta del piede al suolo.
  • limitare l’uso del sale da cucina, in modo da evitare fenomeni di ritenzione idrica. Può essere utile utilizzare per la nostra alimentazione i sali iposodici comunemente in commercio, al posto del più diffuso sale da cucina.
  • arricchire la propria alimentazione di frutta e verdura, limitando l’uso di grassi animali e diconservanti alimentari che funzionano come ‘scorie’ inquinanti nel nostro organismo e che quindi contribuiscono ad aggravare eventuali problemi di ristagno intracellulare dei liquidi

Ma se il sintomo di una cattiva circolazione è già presente, ossia se le gambe sono già gonfie e pesanti, allora è il caso di considerare i rimedi naturali per curarla:

Favorire la circolazione:

  • edera
  • mirtillo
  • centella asiatica
  • vitte rossa
  • radice di rusco

edera, mirtillo, vite rossa, centella e radice di rusco aiutano a mantenere elastici i capillari e stimolando la circolazione e favorendo la risalita del flusso sanguigno dai piedi e dai vasi periferici.

Drenare:

  • betulla
  • escina
  • gambo d’ananas

Escina, betulla ed estratto di gambo d’ananas hanno un’ottima capacità drenante dei liquidi in eccesso.

Dare sollievo: Il mentolo:

Il mentolo fornisce sollievo grazie alla sensazione di freschezza che trasmette: applicare il mentolo sulle gambe gonfie e pesanti significa dare una sferzata immediata di vitalità e freschezza alle gambe stanche. La sensazione di sollievo è garantita e veloce. Oltre che tramite l’applicazione sotto forma di lozione oppure di crema, il mentolo può essere assunto anche attraverso capsule o tisane, che apporteranno lo stesso effetto, ma in modo meno immediato.

In erboristeria oppure in farmacia sono disponibili diversi rimedi naturali localimolto efficaci, i cosiddetti cosmetici defatiganti: creme, gel e  spray contro il gonfiore e la pesantezza delle gambe, che contengono uno o più ingredienti naturali come quelli che di cui abbiamo parlato. Ricordiamoci di applicare questi prodotti locali distribuendoli con delicatezza, partendo dal piede e salendo fino all’inguine, e massaggiando fino a completo assorbimento. La pressione della mano sulla pelle dovrà essere minima.