Pelle: quel che cʼè da sapere per conservare la bellezza dopo i 30

Qualche solco si fa vedere? Il make up non “regge” più come prima? Niente paura: ecco come conservare un aspetto giovane e fresco

Non è mai troppo presto perchè prendersi cura della pelle ora farà la differenza anche sulla bellezza futura. Con corrette abitudini e trattamenti giusti, si può contrastare efficacemente il fisiologico processo di invecchiamento: ecco qualche suggerimento per non temere gli effetti del tempo.

Ammettiamolo: dopo i trent’anni quasi ci mancano i problemi tipicamente giovanili, come l’acne per esempio, che tanto ci affligeva da ragazze. La comparsa di un brufolo ci metteva ko, una vera iattura soprattutto in vista di un incontro galante
Arrivate a questa fase della vita dobbiamo iniziare a pensare al futuro e le attenzioni da dedicare alla nostra pelle diventano fondamentali per il rinnovamento cellulare e per prevenire il progressivo processo ossidativo. Del resto, è proprio a partire dai 30 anni che iniziano a formarsi le prime, piccole rughe, vero e proprio segnale d’allarme. Ecco allora i consigli di bellezza per mantenere giovane l’epidermide il più a lungo possibile. Continua a leggere

La cura dei piedi

arma di seduzione,cura dei piedi,torta,caviglia,cura della pelle,calzature invernali,spiaggia,terreno naturale,gonfiore,palestra,piscina,piedi perfetti,sabbia,microcircolazione,stress invernale,sabbia massaggiatrice,gel trasparentiOltre ad essere una moda, un feticcio e un’arma di seduzione, il piede “scoperto” è anche un’esigenza! I podologi, al riguardo, parlano chiaro: in estate i piedi devono essere scoperti, così da permettere alla pelle, tenuta segregata da calzature invernali per mesi e mesi, di riprendere fiato. Ecco alcune piccole dritte che ci consentiranno di rimettere al mondo in pochissimo tempo i vostri piedini e, quindi, di poterli esibire in spiaggia!

Camminare a piedi nudi:
Fa bene quanto un pediluvio. Dopo una giornata passata a sgambettare sui tacchi, fare qualche passo su un terreno naturale (erba, sassi, sabbia) è davvero un toccasana per i nostri piedi. Questo perché, oltre ad alleviare il dolore provocato dai tacchi e diminuire il gonfiore, camminare su un terreno naturale aiuta il piede a esercitare le sue funzioni naturali. Da evitare, invece, le passeggiate nei luoghi chiusi e promiscui (palestra e piscina in primis) in cui virus e possibili infezioni sono all’ordine del giorno!

Come avere piedi perfetti? Te lo spieghiamo noi

La sabbia massaggiatrice:
Sei al mare? Non passare tutto il giorno a scottarti come una lucertola! Approfitta della situazione per concedere ai tuoi piedi una bella passeggiata sulla sabbia. Molte di noi lo ignorano ma i granelli di sabbia esercitano sul nostro piede un effetto stimolante per la microcircolazione e levigante sulle callosità.

Il prato antistress:

Pur essendo in piena estate, proprio non riuscite a staccarvi di dosso lo stress invernale? Passeggiate sul prato! Camminare su terreni naturali che hanno manti erbosi, favorisce la dissipazione delle tensioni: provate a camminare su un prato e vedrete l’effetto distensivo sull’umore.

Toe-besity: come snellire i piedi

Riattivare la circolazione:
Se la nostra circolazione va allo sbando, proviamo il metodo Kneipp: immergiamo in maniera alternativa le nostre caviglie a spruzzi d’acqua calda e spruzzi d’acqua fredda.

La ciliegina sulla torta:
Bene, il nostro piede ora è più informa che mai: non resta che il tocco finale… quale? Quello lo scegli tu! Sbizzarrisciti con smalti, perline colorate o semplici gel trasparenti.