Doccia, come trasformarla in un trattamento di bellezza

Tutti i consigli e le regole per trasformare un momento di igiene in una vera e propria oasi mentale e fisica

Farsi la doccia, che cosa piacevole ma banale, in fondo. Sbagliato! Se pensate che alzarsi dal letto, o spogliarsi dello stress della giornata lavorativa, e filare sotto il getto dell’acqua sia un gesto elementare, da fare senza pensarci, siete sulla cattiva strada. Una doccia può fare molto bene al corpo, prima ancora che all’umore. Se farla male, in genere, non provoca danni, farla bene può comportare benefici per quanto riguarda la salute ma anche la bellezza del nostro corpo. Le regole da conoscere non sono molte ma sono consigli più che utili.

Dimmi quando quando quando
C’è un tempo giusto, per la doccia? È meglio farsela al mattino o alla sera? Questa è una delle domande fondamentali alle quali nemmeno i più grandi sapienti hanno trovato risposta, però… Bisogna sapere che durante la notte si accumula sebo, e la doccia mattutina ha quindi una maggiore utilità, soprattutto per chi ha la pelle grassa. Detto questo, tale regola non va seguita tassativamente. Chi ricava un maggiore piacere da una doccia a fine giornata, continui pure così. L’importante è che, invece, si attenga a queste altre raccomandazioni.

Continua a leggere

Truccate in spiaggia: cosmetici che proteggono dai raggi solari

Fino a pochi anni fa i dermatologi sconsigliavano alle donne di esporsi al sole truccate, perchè i cosmetici comunemente utilizzati nelle situazioni quotidiane, aumentavano gli effetti negativi dei raggi solari sulla pelle.

Negli ultimi anni le case cosmetiche sono corse ai ripari, specializzandosi nel realizzare cosmetici appositamente ideati per il mare. E’ così esploso il cosiddetto maquillage da spiaggia ed è ora possibile trovare prodotti dotati di filtri solari aggiuntivi delle principali marche. Dai fondotinta ai fard, dagli ombretti alle matite, passando per rossetti, terre e gloss sulle labbra, il maquillage da spiaggia aiuta oggi a prevenire i tumori della pelle e a idratarla, in combinazione con gli altri prodotti solari classici. Lo hanno capito anche i dermatologi americani dell’American Academy of Dermatology che per la prima volta hanno incluso questi prodotti tra gli strumenti di protezione della pelle.