Beauty routine invernale: i consigli per una pelle perfetta

La cute con il freddo è soggetta ad arrossamenti e disidratazione

Il clima e gli agenti atmosferici possono compromettere la nostra bellezza. Per mantenere un viso sano, mani morbide e un corpo tonico dobbiamo aggiornare la nostra beauty routine. In inverno, infatti, la pelle necessità di maggiore attenzione a causa dell’aria più inquinata e degli sbalzi termici. Piccoli trattamenti quotidiani se fatti con costanza potranno aiutarci a non subire gli effetti negativi della stagione.

Idratazione continua – La pelle ha bisogno di molta cura. Per evitare la disidratazione dovremmo utilizzare una crema protettiva più ricca rispetto a quella che usiamo in estate, da applicare eventualmente più volte durante il giorno. Via libera anche a fondotinta e BBCream: se realizzati con i giusti ingredienti possono aiutare a difenderci dal freddo creando un filtro protettivo sull’epidermide. Attenzione alle labbra: avere in borsetta un burro cacao o una crema leggera è di grande aiuto. Infine per avere piedi morbidi, almeno una volta a settimana, è consigliato un impacco a base sale grosso e acqua tiepida. Dopo averli tenuti in ammollo per una decina minuti, asciugateli e mettere una crema idrantante con un automassaggio.

Evitare gli sbalzi termici – Tenere troppo alto il riscaldamento, in casa o in ufficio, provoca inutili stress termici che inaridiscono la cute e che ci faranno avvertire di più il freddo all’esterno. Fare un bagno caldo può essere rigenerante, ma non serve per combattere la disidratazione: per quella servono creme adatte e tanta acqua da bere. Attenzione anche alla mattina, quando detergiamo viso e collo ricordiamoci di utilizzare acqua tiepida e non troppo calda. 

Tonico e maschera idratante – Per evitare l’effetto di “pelle squamata” e la brutta sensazione di “pelle che tira”, dopo una leggera detersione dovremmo applicare un tonico e una crema nutriente, magari a base di oli vegetali per riparare i tessuti. Una o due volte a settimana è consigliato l’utilizzo d’una maschera purificante, per evitare che si formi l’odiata couperose, un fenomeno molto comune in questo periodo dell’anno. Divertitevi a creare una texture personalizzata usando gli ingredienti che preferite come il miele o lo yougurt, a cui aggiungere olio di mandolrla e altri ingredienti a seconda dell’effetto che si vuole ottenere. Dopo aver realizzato il composto, spalmatelo sul volto e lasciatelo per una ventina di minuti.

Capelli sani – Anche i capelli possono soffrire. Gli sbalzi di temperatura e l’inquinamento dell’aria possono inaridire il cuoio capelluto. Sostituiamo lo shampo con un olio lavante, più delicato sulla cute, facendoci consigliare in farmacia. Utilizziamo un balsamo ricco dopo il lavaggio per non sfibrare e rendere opachi i capelli. Se abbiamo i capelli molto secchi va bene anche una maschera da applicare una volta a settimana. Attenzione anche all’asciugatura: non tenete il phon troppo alto e vicino alla testa per non stressare ulteriormente il capello.

Nutrire alla sera  – Prima d’andare a letto, se siamo state fuori casa in mezzo allo smog cittadino, dovremmo continuare la nostra beauty routine. Una detersione leggera, un tonico contro il rossore e una crema ricca servono per rigenerare i tessuti stressati del viso. Ricordimano di fare molta attenzione agli ingredienti con cui sono fatti i prodotti che acquistiamo: devono essere senza parabeni o altri derivati del petrolio.

Coprire la pelle Guanti e cappello, nel periodo invernale, dovrebbero essere sempre con noi. Le creme protettive, infatti, non sono sufficienti per difenderci dal freddo. Quando facciamo sport all’aria aperta indossiamo materiali traspiranti per evitare di ammalarci e per non irritare la cute. Per gli amanti dello sci e degli sport invernali, buona norma sarebbe quella di applicare una crema con un filtro protettivo elevato per evitare arrossamenti e bruciature in alta montagna.

Pelle: quel che cʼè da sapere per conservare la bellezza dopo i 30

Qualche solco si fa vedere? Il make up non “regge” più come prima? Niente paura: ecco come conservare un aspetto giovane e fresco

Non è mai troppo presto perchè prendersi cura della pelle ora farà la differenza anche sulla bellezza futura. Con corrette abitudini e trattamenti giusti, si può contrastare efficacemente il fisiologico processo di invecchiamento: ecco qualche suggerimento per non temere gli effetti del tempo.

Ammettiamolo: dopo i trent’anni quasi ci mancano i problemi tipicamente giovanili, come l’acne per esempio, che tanto ci affligeva da ragazze. La comparsa di un brufolo ci metteva ko, una vera iattura soprattutto in vista di un incontro galante
Arrivate a questa fase della vita dobbiamo iniziare a pensare al futuro e le attenzioni da dedicare alla nostra pelle diventano fondamentali per il rinnovamento cellulare e per prevenire il progressivo processo ossidativo. Del resto, è proprio a partire dai 30 anni che iniziano a formarsi le prime, piccole rughe, vero e proprio segnale d’allarme. Ecco allora i consigli di bellezza per mantenere giovane l’epidermide il più a lungo possibile. Continua a leggere

Viso: tutto quel che cʼè da sapere sulla crema notte

Luce o buio? Per la nostra pelle la differenza cʼè, eccome: ecco i motivi per cui usare la crema prima di dormire è importante

Scetticismo addio: dare alla pelle del viso prodotti differenti per il giorno e per la notte non solo è utile, ma è necessario: il nostro corpo e la nostra epidermide, infatti, hanno meccanismi biologici differenti che regolano il metabolismo a seconda del momento della giornata in cui siamo. Proviamo quindi a capire quanto sia importante utilizzare una crema specifica per la notte prima di consegnarsi alle braccia di Morfeo.

Luce e buio, abbiamo detto: e infatti a partire dalle ore serali, i meccanismi cellulari si mettono in moto per riparare i danni causati durante il giorno dalle esposizioni al sole, al vento, al freddo, all’inquinamento, ma anche da una cattiva alimentazione. Al finire della giornata, e soprattutto nelle ore notturne, inizia anche la fase di ricostruzione e del ricambio cellulare.
Il sonno è quindi un formidabile alleato per la nostra bellezza perché è proprio durante la notte che l’epidermide attiva dei processi di rigenerazione e riparazione cutanea ed è decisamente più ricettiva ai trattamenti cosmetici.

Continua a leggere

Ringiovanire la pelle con l’acido ialuronico

L’acido ialuronico aiuta a ringiovanire la pelle. Scopri come eliminare le rughe con creme e iniezioni! Ecco i consigli anti age da valutare attentamente. Acido ialuronico, collagene o botulino? Chi è alla ricerca di un modo per ringiovanire la pelle rovinata dal tempo può trovarsi di fronte all’imbarazzo della scelta. Tra le soluzioni a disposizione l’acido ialuronico sta vivendo un periodo di vero e proprio successo. Presente naturalmente all’interno della pelle, l’acido ialuronico svolge diverse funzioni, da garantire il mantenimento della corretta idratazione alla riparazione dei tessuti, passando per la difesa nei confronti dei microrganismi. Ma c’è di più: l’acido ialuronico è anche in grado di conferire volume, motivo per cui è sempre più utilizzato anche per ritocchini estetici mirati, ad esempio, all’ottenimento di labbra dall’aspetto più carnoso.

Purtroppo già a partire dai 18 anni la pelle inizia a perdere parte di questa preziosa componente naturale, fenomeno che con il passare del tempo può favorire la comparsa delle rughe e di altriinestetismi cutanei.

Al contrario, preservare o arricchire le scorte di questa molecola aiuta a mantenere la pelle giovane ed elastica.

Ecco quali sono i prodotti a base di acido ialuronico che aiutano a ringiovanire la pelle

  • I prodotti ad uso topico. Le creme contenenti acido ialuronico aiutano a idratare la parte più superficiale dell’epidermide, sia fornendogli acqua, sia trattenendola al suo interno. Questa loro azione riduce le perdite idriche e protegge la pelle dallo sporco e dalle sostanze inquinanti. Tuttavia, essendo una molecola di grosse dimensioni, l’acido ialuronico presente nelle creme idratanti non penetra nell’epidermide e il suo effetto dura solo qualche giorno. L’uso regolare di questi prodotti permette comunque di mantenere la pelle correttamente idratata.
  • I filler. Si tratta di soluzioni che devono essere iniettate negli strati più profondi della pelle, dove arricchiscono il derma di acido ialuronico. In questo modo è possibile ottenere un effetto riempiente e ringiovanente. Possono essere utilizzati per eliminare rughe e grinze sul viso, sul collo e sul petto. Purtroppo anche in questo caso l’effetto è solo temporaneo: in media l’azione antirughe dura 6 mesi.

Per quanto riguarda la sicurezza, i prodotti a base di acido ialuronico sono considerati praticamente esenti da rischi, soprattutto se contengono molecole di sintesi non ottenute da tessuti umani o di origine animale.

Anche il rischio di reazioni allergiche o di effetti collaterali è considerato basso. Anche quando si sceglie di sottoporsi ad un filler, nella maggior parte dei casi la reazione più grave con cui si può avere a che fare è un arrossamento o un gonfiore temporaneo.

Metodi naturali per combattere la forfora.

La forfora è uno dei principali nemici dei nostri capelli, difficile da debellare anche a dispetto di tanti e disparati tentativi. E’ una patologia del cuoio capelluto, che si presenta come scagliette bianche e secche alla base del capello. Di norma il ricambio delle cellule epiteliali del cuoio capelluto avviene regolarmente e l’eliminazione delle cellule morte come desquamazione dei tratti superiori dell’epidermide si verifica senza problemi, e una modestissima presenza di desquamazione è fisiologica.

Quando la presenza di squame biancastre e secche è piuttosto elevata, si parla di forfora, che può essere sintomo della dermatite seborroica, che è quindi cronica. E’ un fenomeno molto diffuso che provoca imbarazzo e addirittura problemi di autostima in molte persone, tanto che la sua cura può essere importante anche solo per ragioni psicologiche.

Per combatterla non serve andare dal medico, basta variare la dieta, evitando alcol e grassi, e puntando si frutta e verdura. Ma se ciò non dovesse bastare shampoo a parte, si può ricorrere ad alcuni rimedi naturali, ereditati dai nostri nonni. Primo fra tutti un bell’impacco all’uovo, con tre tuorli, acqua e un aceto. Ma anche il rosmarino ha importanti proprietà benefiche: basta ridurlo in polvere, unirlo al sale e passarlo sui capelli un paio di volte alla settimana. Altri rimedio è il succo di limone, da applicare con attenzione, per poi risciacquare acqua. C’è poi anche una sorta di maschera di bellezza, da applicare per una ventina di minuti una volta alla settimana. Si ottiene mescolando rosmarino, tè, olio di jojoba ed estratto di eucalipto. Ottimi risultati si possono avere anche con l’olio di semi di lino. Il suo utilizzo costante, in poche gocce, da massaggiare sul cuoio capelluto prima dello shampoo, può contribuire ad alleviare e via via a diminuire il problema.

Forfora secca e grassa, i rimedi

In erboristeria si può invece acquistare l’argilla verde ventilata, da utilizzare per fare un impacco antiforfora da applicare sui capelli e da lasciare agire per 30 minuti prima di passare allo shampoo. Adatta per capelli grassi. Per chi ha invece i capelli secchi, può usare dell’argilla bianca, da mixare con acqua. Uscirà fuori un composto cremoso da applicare sulla testa, prima del risciacquo. Altri rimedi sono rappresentati dall’ortica (si prepara un infuso per ottenere una lozione) e dalla barbabietola: far bollire fiori e radici di barbabietola in semplice acqua, filtrare il decotto, lasciarlo raffreddare prima di essere applicato sul cuoio capelluto, massaggiandolo con delicatezza prima di passare allo shampoo.