Ecco cosa è vietato dimenticare nel beauty case per il mare

La check list dei prodotti must da mettere in valigia per chi è in partenza per le vacanze

Tutti coloro che hanno in programma (almeno) una settimana al mare, tra bagni di sole e tuffi in piscina, non devono dimenticare la protezione solare, necessaria al fine di proteggere la pelle dai raggi UVA e UVB.  Il beauty case perfetto deve contenere prodotti chiave ed essenziali per proteggerti e conferiti un aspetto sano e idratato dalla mattina alla sera, sia sulla spiaggia che durante le lunghe notti d’estate.

La prima regola è quella di proteggere la pelle e i capelli dai raggi dannosi del sole e dagli effetti disidratanti di vento e acqua salata. Per questo motivo è opportuno utilizzare le migliori protezioni SPF e i detergenti più delicati e nutrienti per viso, corpo e capelli.
Importantissimo portare con te e un olio versatile, che agisca da idratante multiuso e sia in grado di enfatizzare quell’aspetto dorato regalato dalla tintarella. Last but not least, in posti in cui il caldo è particolarmente torrido, è bene munirsi di uno spruzzino per rinfrescarsi una tantum.

Truccate in spiaggia: cosmetici che proteggono dai raggi solari

Fino a pochi anni fa i dermatologi sconsigliavano alle donne di esporsi al sole truccate, perchè i cosmetici comunemente utilizzati nelle situazioni quotidiane, aumentavano gli effetti negativi dei raggi solari sulla pelle.

Negli ultimi anni le case cosmetiche sono corse ai ripari, specializzandosi nel realizzare cosmetici appositamente ideati per il mare. E’ così esploso il cosiddetto maquillage da spiaggia ed è ora possibile trovare prodotti dotati di filtri solari aggiuntivi delle principali marche. Dai fondotinta ai fard, dagli ombretti alle matite, passando per rossetti, terre e gloss sulle labbra, il maquillage da spiaggia aiuta oggi a prevenire i tumori della pelle e a idratarla, in combinazione con gli altri prodotti solari classici. Lo hanno capito anche i dermatologi americani dell’American Academy of Dermatology che per la prima volta hanno incluso questi prodotti tra gli strumenti di protezione della pelle.