Monica Bellucci: signora in rosso

monica_bellucci_kika.jpgMonica Bellucci si è presentata indossando un vistoso abito rosso alla premiere del film Des gens qui s’embrassent, organizzata al cinema Gaumont di Parigi. Tra gli ospiti della serata anche il regista Daniele Thompson e gli interpreti Eric Elmosnino e Kad Merad. La pellicola, in Italia dal prossimo 24 aprile con il titolo E’ successo a Saint-Tropez, racconta le vicende di due fratelli, Zef e Roni che non hanno niente in comune eccetto un anziano padre che sta perdendo la testa, e le rispettive figlie che si adorano. Religiosissimo uno, dedito ai piaceri della vita l’altro, i due non faranno altro che litigare nel susseguirsi dei luoghi visitati: da Londra a Parigi, da Saint Tropez a New York, le continue liti faranno precipitare l’instabile equilibrio della famiglia. Ma, dalle rovine, sboccerà  una storia d’amore.

I Cesaroni 5: il dolore di Elena Sofia Ricci sul set

elena_sofia_ricci7.jpgDal 14 settembre la rivedremo, dopo una stagione di assenza, nei panni di Lucia nella quinta stagione dei ‘Cesaroni’ e promette che “sarà una vera bomba”. In una intervista rilasciata al settimanale “A” l’attrice toscana Elena Sofia Ricci, in primavera grande successo nei panni di Suor Angela in “Che Dio ci aiuti!”, ha parlato a cuore aperto di quanto le è accaduto durante le riprese dei “Cesaroni“. “Per sei mesi ho seguito mio padre che si è ammalato, poi purtroppo se ne è andato. Stavo sul set con un grande dolore dentro, ma non ho pensato nemmeno per un attimo di lasciare. E’ la mia vita e se l’avessi fatto lui mi avrebbe preso a calci nel sedere. Papà è morto la notte tra Pasqua e Pasquetta. Non ho chiesto nemmeno un giorno di permesso per il funerale. E’ la vita, l’ordine naturale delle cose”.

Un grande dolore che però non le ha impedito di ridare alla sua Lucia, ritornata nella vita della grande famiglia romana, i toni della leggerezza e dell’ironia. “Riproponiamo lo stile allegro e un po’ scorretto che ha distinto le prime due serie – ha sottolineato – Gli adulti tireranno fuori il peggio. Come in un libro a me caro, ‘Signori bambini’ di Pennac, i piccoli diventano grandi e il contrario. Sarà molto divertente”. Elena Sofia ritorna a vestire i panni di un personaggio che le ha dato grandi soddisfazioni, a lei che si definisce “una donna libera. Mai frequentato salotti e l’ho pagata”.

E’ anche per questo motivo che ancora oggi fa un po’ fatica a trovare ruoli che ritenga congeniali: “Il cinema è un po’ modaiolo. Devo ringraziare un regista trasgressivo e coraggioso come Ozpetek che mi ha riportato al grande schermo affidandomi il ruolo di zia Luciana in ‘Mine vaganti’, così come sono grata a Giovanni Veronesi e Ricky Tognazzi per avermi offerto ruoli così diversi tra loro”. Il grande schermo per ora deve attendere, prima Lucia Cesaroni, poi per la seconda volta Suor Angela. Due facce di Elena attrice profondamente diverse, ma con un unico comune denominatore: vivere il lavoro con professionalità, allegria e riuscire a trasmetterle ai telespettatori. Ce la farà anche questa volta?